Più verdura, frutta e latte gratis per studenti Ue

È stata ufficializzata l’assegnazione ai diversi Stati membri di 250 milioni di euro per la distribuzione nelle scuole UE di frutta, verdura e latte relativa all’anno scolastico 2017/2018.

Il 1° agosto sarà varato nelle scuole il nuovo programma dell’UE di distribuzione di frutta, verdura e latte, pronto per essere attuato in tutta l’Unione sin dal primo giorno dell’anno scolastico 2017/2018.

Macedonie fresche al posto di snack e merendine per uno spuntino tra un’ora di lezione e l’altra. È il nuovo progetto di educazione alla salute promosso nelle scuole dalla Commissione europea che ha varato un programma da 90 milioni di euro anno per la distribuzione gratuita di frutta e verdura agli studenti.

Il programma, volto a promuovere abitudini alimentari sane tra i bambini, comprenderà la distribuzione di frutta, verdura e prodotti lattiero-caseari, ma anche specifiche azioni educative per comunicare agli scolari l’importanza di una buona alimentazione e per spiegare loro come è prodotto il cibo.

La decisione è stata presa tramite votazione dal Comitato per l’Organizzazione Comune dei Mercati Agricoli e sarà adottata dalla Commissione europea verso la fine di Marzo.L’iniziativa fa il paio con il programma di distribuzione gratuita del latte fresco nelle scuole “latte nelle scuole” che esiste già da oltre trent’anni. Nell’anno scolastico 2006/2007 è stato distribuito negli edifici scolastici di 22 Stati membri l’equivalente di 305 mila tonnellate di latte, con un contributo comunitario di oltre 50 milioni di euro.

I fondi non serviranno solamente alla fornitura delle materie prime, ma anche allo svolgimento di lezioni dedicate all’agricoltura ed alle diete salutari.I Paesi avranno la libertà di richiedere ed utilizzare più o meno del budget stabilito: fondi addizionali saranno preparati per eventuali necessità, mentre la quota non utilizzata della parte stabilità potrà essere destinata diversamente.

Queste iniziative testimoniano l’impegno dell’Ue a migliorare gli standard dell’alimentazione e a combattere la pericolosa tendenza al sovrappeso e all’obesità nei bambini e negli adolescenti. Il programma mira a incoraggiare nei giovani l’acquisizione di buone abitudini alimentari che secondo gli studi vengono poi generalmente mantenute nel tempo. Si stima che in Europa 22 milioni di bambini siano sovrappeso. Di questi, oltre 5 milioni sono obesi, una cifra destinata ad aumentare di 400 mila unità ogni anno. Un’alimentazione migliore può rappresentare un primo passo importante per contrastare questo problema.