Non un quarto dei disoccupati sta facendo qualsiasi tipo di corso di formazione

EUROPA STAMPA

  • È il modo migliore per entrare nel mercato del lavoro, ma solo il 17% dei disoccupati prende corsi di formazione, due punti meno rispetto al 2013.
  • Le persone disoccupate con alta formazione rappresentano il 22% del totale dei disoccupati.

La formazione è “uno dei modi più efficaci per promuovere l'ingresso dei disoccupati nel mercato del lavoro”, afferma una relazione di Asempleo, dei datori di lavoro delle agenzie di collocamento e delle agenzie di lavoro temporanee e di Analistas Financieros Internacionales (AFI). Eppure, il numero dei disoccupati che hanno frequentato corsi formativi è diminuito dal 2013 con due punti percentuali, passando dal 19% registrato in quell'anno al 17% di oggi.
Secondo l'ultimo passo avanti in questo studio del mercato del lavoro, un livello di istruzione superiore è “una maggiore garanzia di successo nel mercato del lavoro” . In particolare, attualmente, i disoccupati con un'istruzione superiore rappresentano il 22% del totale dei disoccupati. Infatti, questo gruppo ha un tasso di disoccupazione più basso rispetto al resto dei gruppi, che è all'11%.
La maggior parte dei disoccupati che completano i corsi di formazione sono quelli con un alto livello di istruzione. Inoltre, secondo la relazione, sono coloro che “hanno maggiormente modellato il ritmo della loro formazione continua dal 2013”, dal momento che sono passati dal 34% nel 2013 al 28% oggi.
Tuttavia, essi hanno indicato che i corsi praticati hanno un livello di istruzione superiore rispetto a quelli realizzati nel 2013. In particolare, 4 anni fa, il 63% dei corsi svolti era di basso livello di istruzione, mentre allo stesso tempo Durante tutto questo anno la loro rappresentatività è stata ridotta al 56%.
D'altra parte, i corsi di alto livello sono passati dal 27% al 38% , “in risposta, probabilmente, ai requisiti del mercato del lavoro che tendono sempre più a competenze professionali avanzate”, secondo Asempleo -AFI. Lo studio garantisce inoltre che la probabilità di trovare un lavoro è cresciuta nel corso dell'ultimo periodo, soprattutto nel caso dei disoccupati con un livello di istruzione superiore.
Il presidente di Asempleo, Andreu Cruañas, ritiene che il mercato del lavoro è in continua evoluzione. “Questa modifica che il mercato sta vivendo richiede una formazione continua per i lavoratori e per i disoccupati che, pur essendo sempre un fattore importante per quanto riguarda l'accesso al mercato del lavoro e il loro soggiorno nel mercato del lavoro, “dice.